Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Studenti di Brindisi ospiti di Mario Monti

Cultura

Scritto da il 13 Settembre 2012 - 19:24

Venti studenti dell’I.T.T. “G.Giorgi” di Brindisi e 30 ragazzi della Morvillo Falcone saranno ricevuti domani 14 settembre 2012 dal Presidente del Consiglio Mario Monti e dal Ministro Andrea Riccardi. Con loro ci sono anche Vanessa, Veronica, Selena, Azzurra e Sabrina, le cinque ragazze  del professionale “Morvillo Falcone” che hanno riportato le ferite più gravi nell’attentato del 19 maggio scorso a Brindisi

In data 4 giugno 2012, l’I.T.T. “G.Giorgi” ospitava il Ministro della Gioventù, Andrea Riccardi, e una rappresentanza di studenti di diverse scuole di Brindisi, prima fra tutte quella dell’Istituto Professionale “Morvillo-Falcone”, direttamente colpito dai fatti del 19 maggio 2012.

L’affabile Ministro tenne la platea gremita di studenti attenta e coinvolta attraverso un eloquio diretto e colloquiale, mai lontano dal sentire giovanile. In quel momento, un rappresentante delle Istituzioni fu vissuto come una persona cara venuta a dare un segnale di speranza in un territorio già provato dalla disoccupazione e fortemente colpito dalla tragica morte di Melissa Bassi.

Ora, due rappresentanti delle Istituzioni, il Presidente del Consiglio Mario Monti e il Ministro della Gioventù Andrea Riccardi chiedono di incontrare un gruppo di studenti dell’I.T.T. “G. Giorgi” per ricambiare l’ospitalità ricevuta.

Un invito che riempie di gioia e onore la comunità dell’Istituto e dell’intero territorio brindisino e che permetterà ai giovani studenti di rivivere un momento di comunione e di condivisione con i massimi rappresentanti delle Istituzioni. Sarà un incontro senz’altro significativo che segnerà positivamente la formazione degli studenti investiti del ruolo di futuri cittadini della società italiana.

Studenti di Brindisi ospiti di Mario Monti

Argomenti correlati:

COMMENTA L'ARTICOLO