Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Riordino Province: 8 comuni da Brindisi passano a Lecce, Oria esclusa, almeno per ora

Politica

Scritto da il 1 Novembre 2012 - 18:53

Nonostante la cartina diffusa ieri dal Governo facesse intendere tutt’altro, sono stati accettati i passaggi a Lecce dei comuni di Cellino San Marco, Erchie, Mesagne, San Donaci, San Pancrazio Salentino, San Pietro Vernotico, Torchiarolo e Torre Santa Susanna.

Contestualmente al taglio delle province, con la fusione della provincia di Brindisi a quella Taranto, passerà a Lecce anche il comune di Avetrana, attualmente provincia di Taranto, e alla città metropolitana di Bari il comune di Fasano.

I cambi di provincia, richiesti nei mesi scorsi dai rispettivi consigli comunali, sono stati accettati e riportati in una tabella che costituisce parte integrante del decreto legge emanato ieri.

Nell’incertezza più assoluta l’attuale situazione di Oria. La città federiciana ha infatti deciso di passare a Lecce proprio ieri, alcune ore dopo il provvedimento del Governo.

Poco prima del voto in Consiglio Comunale, il sindaco Cosimo Pomarico aveva annunciato, con espressione che lasciava intendere quasi un senso di sollievo, il fatto che nessuna delle richieste di passaggio a Lecce fosse stata accolta – cosa desumibile dalla cartina diffusa dal Governo – neppure quelle giunte per tempo.
Il consigliere, ed ex sindaco, Cosimo Ferretti si era scatenato con varie telefonate in fase di voto e aveva a gran voce detto che non era così, in quanto alcuni comuni secondo il decreto legge sarebbero passati a Lecce.

Il Consiglio – inutilmente secondo alcuni – nel dubbio aveva comunque deliberato che Oria, se non si farà il grande Salento (e non si farà), se non si farà la provincia a due capoluoghi Brindisi-Taranto (e non si farà),  vorrà essere annessa a Lecce.

Ora che il provvedimento del Governo passerà nelle mani del parlamento saranno apportare sicuramente alcune modifiche, potranno eventualmente  anche essere accettate le richieste giunte nel frattempo, tra cui quella di Oria.

Aggiornamento delle 20:40 – è stata pubblicata anche la relazione illustrativa del decreto, che recita testualmente: “In sede di conversione del presente decreto legge si terrà conto di ulteriori iniziative assunte da altri comuni ai sensi dell’articolo 133, primo comma, della Costituzione, sentite le Regioni interessate”.

A seguire la tabella dei passaggi.

Riordino Province: 8 comuni da Brindisi passano a Lecce, Oria esclusa, almeno per ora

Argomenti correlati: , , , , , , , ,

COMMENTA L'ARTICOLO