Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Oria, renziani: «cambio totale della Giunta con persone nuove. Per evitare commissariamento»

Politica

Scritto da il 28 Settembre 2013 - 16:41

Dopo le dimissioni del sindaco Cosimo Pomarico, il PD, o almeno una parte di esso, identificabile con l’area Renzi, cerca di far chiarezza e di lanciare una propria proposta, per ricucire la situazione.

Emilio Pinto, consigliere comunale di riferimento, del'area Renzi, costituita ufficialmente nel PD di  Oria da alcune settimane

Emilio Pinto, consigliere comunale di riferimento, del’area Renzi, costituita ufficialmente nel PD di Oria da alcune settimane

Le dimissioni del Sindaco Cosimo Pomarico e l’attribuzione delle responsabilità di tale atto politico all’intero PD sono gli argomenti sui quali l’area Renzi di Oria intende fare chiarezza lanciando anche una proposta finalizzata quantomeno a salvare l’onorabilità di alcune persone dell’amministrazione, prime fra tutte il Sindaco. Difatti, le ultime cronache politiche, denunciano erroneamente con grossolana superficialità la centralità del Partito Democratico di Oria circa la causa primaria della crisi amministrativa. A tal proposito, come gruppo che fa riferimento istituzionale al consigliere Pinto, ci teniamo a sottolineare come l’assenza del nostro referente istituzionale dall’ultimo Consiglio comunale fosse già stata annunciata giorni prima al Presidente del Consiglio, il quale ha poi riferito anche al Sindaco stesso l’assenza di uno dei consiglieri del PD. A scanso di equivoci, ciò di cui stiamo parlando è ampiamente documentato, in quanto il Dott. Pinto era occupato in un improcrastinabile appuntamento di lavoro che gli ha impedito la partecipazione all’assise in oggetto. Dunque, prima di attribuire all’intero PD tali responsabilità così come hanno frettolosamente scritto alcuni organi di stampa, sarebbe bene considerare le sfumature e le opposte visioni vigenti all’interno di tale gruppo consiliare.

Quanto poi alle dimissioni del capo dell’amministrazione, a cui va tutta la nostra stima per il profondo senso della governabilità che lo contraddistingue, sempre come gruppo Renzi, ci permettiamo di suggerire una proposta politica forte non solo nella forma, ma anche nella sostanza, ossia il cambio totale della Giunta con persone nuove, competenti, specializzate nei vari settori e, soprattutto, slegate da vincoli di sopravvivenza politica con i vari consiglieri di riferimento, veri esecutori della paralisi amministrativa e vera causa delle dimissioni del Sindaco, sempre vittima predestinata in balia di richieste sature di potere quanto di sapore ricattatorio.

Proprio la difesa dei propri particulari che non oltrepassano la distanza dei propri ombelichi, ha inchiodato il nostro Sindaco all’unica decisione possibile di fronte all’incapacità di dialogo e di confronto democratico che difetta in taluni protagonisti dell’attuale Consiglio comunale. A scanso di equivoci, noi non abbiamo alcuna velleità di potere declinabile con la richiesta di deleghe assessorili, dal momento che deleghiamo nelle mani sapienti del Sindaco le decisioni finali, consapevoli del suo buonsenso che salverebbe Oria da un commissariamento che immobilizzerebbe la nostra città per alcuni mesi.

Ancora, sottolineiamo come, per l’ennesima volta, il Consigliere Pinto, oltre ad avere già fatto numerosi passi indietro per il bene di questa amministrazione, è l’unica presenza in Consiglio che non agisce come un cane sciolto, ma concordando sempre le sue decisioni con il resto del gruppo Renzi da poco costituitosi nel nostro Comune. Infatti, crediamo proprio che la vera causa di questa intricata situazione politica sia una vera e propria crisi democratica, dal momento che vige una sorta di oligopolio di bassa leva che esclude dall’attività amministrativa tante altre persone capaci di incidere positivamente per il bene del territorio, l’unico obiettivo verso cui tendiamo.

AREA RENZI PD ORIA

Oria, renziani: «cambio totale della Giunta con persone nuove. Per evitare commissariamento»

Argomenti correlati: ,

COMMENTA L'ARTICOLO