Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Oria – Lorenza Conte: “Un Sindaco da rottamare”

Politica

Scritto da il 13 Settembre 2010 - 13:43

Comunicato di Lorenza Conte.

Lorenza Conte

Uno degli ultimi regali della disastrosa gestione del Sindaco Ferretti alla Città di Oria sarà la realizzazione in Via Torre di un impianto di compostaggio con annessa discarica di soccorso su area di proprietà del Comune di Oria.

L’argomento è arrivato al Consiglio Provinciale convocato per il 15 settembre alle ore 9,00 dove verrà approvato l’aggiornamento del Piano provinciale di attuazione del programma regionale per la tutela dell’ambiente che tra le Azioni di sostegno e supporto agli Enti Locali e alle ATO per assicurare la corretta gestione dei rifiuti urbani ed il definitivo superamento dell’emergenza prevede anche la realizzazione dell’impianto di compostaggio e discarica di soccorso da realizzare (cancellata la voce selezione e bio stabilizzazione) a servizio dell’ATO BR/2 nel Comune di Oria come individuato dalla assemblea dei sindaci deil’ATO BR/2

Sembra che non vi siano alternative a questa decisione già presa poiché sia la Provincia che la Regione non sono stati messi in condizioni di operare scelte alternative e poi ? di fronte alla unica e rara possibilità che un Sindaco svenda in questa maniera il proprio territorio chi, all’interno delle altre istituzioni, ha interesse a reagire ? l’assessore Pomarico ? il consigliere provinciale di opposizione Fistetti ? e con quali proposte alternative e in quale altro Comune del territorio ?

Se ne parla ormai da due anni come il prezzo da pagare per il nostro territorio a sua maestà il Presidente dell’ATOBR/2 Cosimo Ferretti che per la verità si è sempre dichiarato ben disponibile a barattare con la sua ben retribuita seconda carica il rischio ambientale dovuto alla realizzazione della discarica in Oria sulla strada per Torre.

Il tutto è avvenuto senza neppure informare o consultare la popolazione oritana che tanti consensi ha dato a questo Sindaco si da meritare questo trattamento da piccolo signorotto di paese: nessun Consiglio Comunale ha mai discusso di questa decisione, non è mai stata convocata l’assemblea delle associazioni per consultarla su questa grave evenienza.

Come in tante altre occasioni, come la nomina delle commissioni di concorso, la chiusura del cimitero nel periodo estivo, ecc. il Sindaco Ferretti ha fatto tutto da solo senza averne la competenza e senza voler dare conto neppure dei veri motivi che lo hanno portato a queste decisioni.

La decisione di realizzare la discarica in Oria è stata presa dalla ATO BR/2, cioè l’assemblea dei Sindaci del territorio, a cui non è sembrata vera tanta disponibilità del Sindaco di Oria Presidente della stessa ATO BR/2.

Per la verità sin dall’inizio è sempre circolata la voce che la stessa elezione del Sindaco di Oria avvenne a scapito del Sindaco di Francavilla Fontana ( e quindi degli allora Vitali Curto) grazie ad un evidente compromesso tra i Sindaci di riferimento di autorevoli esponenti del PD, l’UDC di Carbone e Sindaci del centrodestra che facevano riferimento a Saccomanno e la stessa nomina dei principali organi burocratici dell’ATOBR/2 né è la ri-prova.

Questa situazione ha sempre creata non poco imbarazzo agli esponenti del PD che si trovavano all’apposizione nei rispettivi Comuni come quello di Oria che davano sì la colpa al Ferretti per le tante cose che non andavano ma poi sapevano che una parte di responsabilità era anche del PD di quei sindaci componenti dell’ATO che nulla facevano per porre rimedio ad una disastrosa gestione del rifiuti messa in mano alla Monteco in seguito a procedure di appalto predisposte da dilettanti e che hanno portato alla aggiudicazione del servizio, in seguito a ricorsi al Tar, alla ditta che aveva proposto il peggiore progetto tecnico e organizzativo e le conseguenze si vedono quotidianamente sul nostro territorio diventato oramai una vera e propria discarica a cielo aperto.

Ora in vista delle prossime elezioni amministrative invece di pensare (cosa difficile per molti) al modo migliore per rottamare questo Sindaco, un po tutti, sia chi dormiva e chi invece era troppo sveglio, si stracceranno le vesti e giureranno che la discarica non si farà, confideranno sui tempi di realizzazione previsti in 3 anni e sui tanti milioni di euro che arriveranno da Regione e Provincia, altri prometteranno inesistenti posti di lavoro nella discarica, i programmi amministrativi saranno pieni di tante buone intenzioni e il popolo di Oria verrà di nuovo preso per fesso dopo essersi messi d’accordo su candidati sindaci di sicura fede centrista appoggiati con entusiasmo da ceneri e fantasmi di una sinistra subalterna contraria alle primarie e che sa soltanto dimostrare la propria impotenza a capire, non diciamo gestire, tutti i processi decisionali che gli vengono fatti passare da sotto il naso.

Nessuno si è ancora accorto che il Consiglio Comunale che sono stati costretti a convocare sul problema della chiusura del cimitero è stato fissato per il 15 settembre alle ore 9 in contemporanea al Consiglio Provinciale e quindi difficilmente si farà, tranne che non serva da scuse per il Sindaco intenzionato a disertare il consiglio provinciale per poi far ricadere le sue colpe su altri.

Ciò farà contenti tutti coloro che in buona fede sono preoccupati di non far spendere i soldi dei gettoni di presenza lasciando fare a sua maestà il Sindaco tutto quello che vuole e assumendo tutti i poteri, e magari abolendo pure il Consiglio Comunale tanto un sondaggio lo ha pure dichiarato inutile.

Le solite furbate di un Presidente del Consiglio Comunale assistito come merita da azzeccagarbugli e pilee e che rischia grosso per avere abusato del suo ufficio nel ritardare la convocazione del consiglio e per non avere indicato, come richiesto espressamente dai consiglieri, anche la data di seconda convocazione.

Lorenza Conte Per la Sinistra Unita

Oria – Lorenza Conte: “Un Sindaco da rottamare”

Argomenti correlati: ,

COMMENTA L'ARTICOLO