Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Oria: il grazie di tutta la città a questo giovane di Manduria

Cronaca

Scritto da il 18 giugno 2015 - 18:55

Questo ragazzo, di 22 anni, si chiama Flavio Pignataro. È un istruttore di nuoto e bagnino di Manduria e tutti noi oritani dobbiamo rivolgergli un grande grazie. Ecco perché.

flavio-pignataroDomenica mattina a Campomarino c’era un brutto mare, le onde erano alte e il vento spirava forte.

Nel tratto di mare antistante alla località Monaco Mirante, intorno alle 11:00 un nostro concittadino di 50 anni molto noto in città, nel tentativo di soccorrere la propria figlia di quindici anni che non riusciva più a riguadagnare la riva, era stato trascinato a largo dalle onde e dalla forte corrente.

Mentre la ragazza era stata tratta in salvo da altre persone che con l’aiuto dei teli da mare avevano creato un cordone umano, l’uomo si era allontanato moltissimo dalla spiaggia e non riusciva più a rientrare.

Nonostante l’allarme dato alla Guardia Costiera di Taranto, per qualche ragione nessun mezzo della Capitaneria era disponibile nell’immediatezza per intervenire a Campomarino, fatto che ci lascia decisamente preoccupati. Forse nessuno si sarebbe aspettato un elicottero dietro l’angolo, ma neppure la totale e prolungata scopertura della frequentatissima zona.

L’uomo, ormai esausto e colpito da un malore, disperato per la sorte che poteva essere toccata alla figlia, dopo ben tre quarti d’ora in acqua senza soccorsi, era ormai convinto di non potercela più fare.

L’allarme, pare anche su segnalazione della Capitaneria, era giunto nel frattempo anche a qualche centinaio di metri di distanza, presso il vicino stabilimento balneare Tuareg. Lì Flavio Pignataro, bagnino di turno, e il titolare del lido, Daniele Lacarbonara, nonostante il vento e le onde alte, si lanciarono in mare a bordo dell’acquascooter in dotazione, dimostrando grande coraggio.

Solcate le onde e raggiunto a circa 150 metri dalla costa l’uomo in difficoltà, che ormai non riusciva più a rimanere a galla, Flavio si tolse il suo giubbotto di salvataggio e lo infilò al malcapitato.

Constatata l’impossibilità di far salire sullo scooter il nostro concittadino, un omone alto e robusto ormai privato dal mare di ogni energia, Flavio con caparbietà lo trascinò di forza verso la riva, lasciandolo solo nelle mani dei soccorritori del 118.

Il nostro compaesano, ancora oggi in ospedale a causa del forte stress fisico, ma considerato sin da subito fuori pericolo, tornerà a Oria dalla moglie e dai suoi due figli, solo per il coraggio e le capacità di questo soccorritore 22/enne di Manduria.

Ci sarebbe potuto essere ognuno di noi in balia delle onde e senza soccorsi, con Flavio che era lì, pronto ad intervenire. Per questo non possiamo che dirgli grazie!

Oria: il grazie di tutta la città a questo giovane di Manduria

Argomenti correlati: ,

COMMENTA L'ARTICOLO