Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Oria: il consigliere Sorrento chiede chiarimenti sulle enfiteusi

Politica

Scritto da il 7 Maggio 2013 - 21:06

Gianfranco Sorrento

Gianfranco Sorrento

Con un’interrogazione presentata al sindaco, il consigliere comunale Ginfranco Sorrento ha chiesto di verificare se vi siano o meno da riscuotere canone di enfiteusi, cioè gli affitti sulle terre date in concessione ai contadini molte decine di anni fa.

Tutti coloro che dovessero possedere terre gravate da tale canone sarebbero obbligati al pagamento delle relative somme,  mentre il Comune avrebbe l’obbligo di riscossione delle medesime.

I cittadini interessati, verosimilmente subentrati ai vecchi proprietari dell’epoca, potrebbero eventualmente avvalersi dell’affranco, ossia potrebbero riscattare i terreni e liberarsi dall’obbligo della corresponsione annuale del canone versando una somma pari a 20 volte l’importo del canone più gli ultimi 5 anni non riscossi (i precedenti sarebbero prescritti).

Al Sindaco del Comune di Oria

Oggetto: Riscossione canoni enfiteutici. – INTERROGAZIONE.

Il sottoscritto Gianfranco Sorrento, nella sua qualità di Consigliere Comunale e ai sensi dell’art. 21 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale;

PREMESSO

  • che sono tuttora vigenti e disciplinati dal Codice Civile gli istituti dell’enfiteusi e dell’affrancazione;
  • che vari enfiteuti, tra gli anni 20′ e 30′ soprattutto, ma alcuni di essi anche in epoche più lontane, hanno stipulato con il Comune di Oria un contratto che prevedeva il pagamento di un canone annuale, interessando complessivamente circa 500 terreni di proprietà comunale;

CONSIDERATO

  • che ormai da diversi lustri il Comune di Oria non esercita più verso gli enfiteuti e/o livellari alcun diritto, tale da non determinare l’incamerazione dagli stessi enfiteuti dei proventi previsti dai contratti sottoscritti;
  • che quasi certamente questi enfiteuti dispongono in forma privata di terreni ancora oggi di proprietà comunale, perchè mai è stata completata l’affrancazione;
  • che questi proventi se opportunamente riscossi e rivalutati secondo gli attuali indici Istat potrebbero costituire una cifra ingente da mettere a disposizione del bilancio comunale;
  • che nel corso degli ultimi anni sono state diverse le istanze inoltrate al competente ufficio tecnico comunale da parte di privati cittadini al fine di affrontare e risolvere la atavica questione relativa ai terreni dati a suo tempo in regime di enfiteusi;
  • che di recente diverse testate giornalistiche e blog locali hanno affrontato tale argomento;
  • che alcuni cittadini hanno segnalato al sottoscritto di aver in passato posto il problema ai vari Dirigenti e Amministratori del Comune di Oria;

INTERROGA LA S.V.

di conoscere:

  • se è vero quanto è oggetto di segnalazione da parte dei cittadini e della stampa locale e quali provvedimenti intendere assumere l’Amministrazione Comunale sulla questione presentata;
  • se condivide l’opportunità e l’utilità che un deciso e determinato intervento di recupero di tali canoni con le relative rivalutazioni Istat possa contribuire a dare fiato all’esiguo bilancio comunale;
  • se condivide che il protrarsi di questa atavica inadempienza possa in qualche misura esporre l’Ente a danni economici ovvero a responsabilità giuridiche e morali degli amministratori che si sono avvicendati nel corso degli anni.

Distinti saluti.
Oria, 07.05.2013

Il Consigliere Comunale

Gianfranco Sorrento

Oria: il consigliere Sorrento chiede chiarimenti sulle enfiteusi

COMMENTA L'ARTICOLO