Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Oria e la Vespa sotto le stelle

Eventi

Scritto da il 29 Luglio 2010 - 17:21

Per il terzo anno consecutivo torna l’appuntamento estivo con i “centauri” amanti della Vespa, storico prodotto motociclistico della Piaggio. L’evento è organizzato dall’associazione oritana “Girovespa”, locale Vespa Club, avvalendosi della fattiva collaborazione di diverse realtà locali nonchè del patrocinio della Città di Oria.

L’edizione 2010 del raduno Vespa di Oria è in programma per sabato 31 luglio secondo il seguente programma:

ore 18.00 – raduno in piazza Lorch;
ore 18.30 – giro per le vie della città;
ore 19.00 – benedizione dei caschi e delle vespe presso il Santuario di Sant’Antonio;
ore 19.30 – visita guidata ai frantoi ipogei del Palazzo dei Missionari – Seminario Vescovile “San Carlo Borromeo” a cura della sede locale di Oria dell’Archeoclub d’Italia;
ore 21.00 – premiazione e cena finale.

La quota di iscrizione ammonta a € 10,00 da versare al momento del raduno in piazza Lorch presso l’apposita segreteria. La partecipazione alla cena finale – che si terrà presso il ristorante-pizzeria “Il Saraceno” ed è facoltativa, cioè si può partecipare al raduno senza obbligatoriamente poi fermarsi alla cena – necessita del supplemento di € 20,00.

Il presidente dell’associazione “Girovespa” Sandro Moretto ricorda che tutti i veicoli partecipanti dovranno essere in regola con il codice della strada ed i conducenti dovranno attenersi al medesimo ed alle indicazioni fornite dall’organizzazione del raduno, che verranno integralmente visionate ed accettate al momento dell’iscrizione.

La scorsa edizione ha visto la partecipazione di oltre 150 vespisti, cifra che quest’anno sarà largamente superata per la prevista presenza di  delegazione dei Vespa Club provenienti da tutta la Puglia.

Oria e la Vespa sotto le stelle

Argomenti correlati: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

COMMENTA L'ARTICOLO