Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Oria: festa per San Barsanofio, patrono della città e della diocesi

Eventi, Religione

Scritto da il 29 Agosto 2014 - 18:58

San Barsanofio - Basilica Cattedrale di Oria, febbraio 2014

San Barsanofio – Basilica Cattedrale di Oria

Sabato 30 agosto la Città e la Diocesi di Oria festeggiano il proprio patrono e protettore: San Barsanofio, anacoreta che ha operato nel deserto di Gaza nel VI secolo.

In questi giorni la comunità oritana si è preparata alla festa con la novena nella Basilica Cattedrale.

Il 30 agosto la santa Messa sarà celebrata in Cattedrale alle ore 8.00, 9.30 e 11.00; alle ore 18.00, nella stessa Cattedrale, il vescovo di Oria mons. Vincenzo Pisanello presiederà il solenne pontificale.

Nel corso di quest’ultima celebrazione saranno ammessi all’Ordine sacro quattro seminaristi della diocesi: Antonio Dell’Aquila e Marco Stasi di Erchie, Roberto Lonoce di Francavilla Fontana e Vincenzo Rubino di Latiano; saranno inoltre istituiti accoliti i seminaristi Ivan Cavaliere di Latiano e Leonardo Dadamo di Manduria.

Seguirà la processione, cui prenderanno parte tutte le confraternite della Diocesi di Oria, convenute per il II Cammino diocesano; la processione sosterà sul sagrato della chiesa di San Francesco di Paola, sotto cui vi è la cripta di San Barsanofio, per una preghiera e la tradizionale benedizione con la reliquia del Santo.

Il programma civile prevede per il 30 agosto il primo raduno diocesano delle bande musicali che si incontreranno in piazza Manfredi alle ore 18.30 e raggiungeranno piazza Cattedrale attendendo l’uscita della processione con l’effigie di San Barsanofio; le stesse bande si esibiranno poi nel corso della serata in piazza Manfredi.

I festeggiamenti si concluderanno in tarda serata con il tradizionale spettacolo pirotecnico.

Oria: festa per San Barsanofio, patrono della città e della diocesi

Argomenti correlati:

COMMENTA L'ARTICOLO