Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Oria esclusa spot turismo: interrogazione del Sen. Tomaselli

Politica

Scritto da il 15 Giugno 2011 - 17:45

Sen. Salvatore TOMASELLI

Di seguito riportiamo integralmente il testo dell’Interrogazione presentata dal Sen. Salvatore Tomaselli al Ministro del Turismo sul mancato inserimento della città di Oria nello spot promozionale destinato al Mezzogiorno promosso dallo stesso Ministero.

AL MINISTRO DEL TURISMO
Premesso che lo scorso 9 giugno, presso Palazzo Chigi, il Ministro del Turismo on. Michela Vittoria Brambilla ha presentato alla stampa uno spot sulla promozione del turismo nel Mezzogiorno, destinato al mercato nazionale nel quale vengono mostrate tredici località di varie regioni meridionali;
nell’ambito di tale presentazione pubblica, il Ministro ha sostenuto, come riportato da diverse agenzie di stampa, che “dobbiamo tutelare l’immagine turistica del nostro meridione con la massima attenzione, anche in riferimento ai possibili effetti negativi dei rivolgimenti sociali e politici del Nord Africa e del conflitto in Libia”;
tale spot si configura sostanzialmente come un’azione risarcitoria verso territori e città che hanno subìto nei mesi scorsi e stanno ancora subendo notevoli disagi in relazione ai rilevanti flussi migratori provenienti da vari paesi del Nord Africa;

considerato che
dai contenuti del citato spot promozionale è stata inaspettatamente esclusa la città di Oria (Brindisi), la comunità maggiormente penalizzata dalla presenza del Centro d’accoglienza formalmente ubicato in agro di Manduria (Taranto) presso l’ex Aeroporto militare, ma di fatto ben più contiguo al territorio oritano;
proprio la città di Oria nelle scorse settimane, in concomitanza con la installazione del Centro e con la presenza in pochi giorni di un ingente numero di immigrati, giunti fino a circa duemila, è quella che ha dovuto fronteggiare una vera e propria emergenza sociale, accogliendo con grande generosità centinaia e centinaia di disperati che si sono riversati in città cercando e trovando accoglienza, cibo, aiuti umanitari, sostegno anche economico da parte della popolazione residente;
detto Centro è ancora in piena attività e proprio nei giorni scorsi è stato annunciato l’arrivo di ulteriori 900 immigrati che si vanno ad aggiungere ai 600 presenti attualmente;
la città di Oria ha mostrato e continua a mostrare uno spirito di solidarietà immenso, fronteggiando una situazione di grande criticità, nonostante le cronache, specie nei mesi di marzo e aprile, hanno registrato episodi di difficile convivenza, com’è fisiologico che accada quando la convivenza sia imposta dall’alto per di più dall’oggi al domani, strettamente collegati alla presenza degli ospiti del Centro, qui efficacemente ribattezzato “Tendopoli”.
sono venute in quei giorni numerose promesse di iniziative ed interventi risarcitori anche per la città di Oria, di cui a tutt’oggi non vi è alcuna concreta traccia;
tra le iniziative valutate vi era stata proprio la realizzazione di uno spot promozionale da mandare in onda sulle reti televisive nazionali, proposto e realizzato in forma gratuita da un’impresa giornalistica ed editoriale locale;

ricordato che
Oria conta ben tremila anni di Storia e risorse naturalistiche, architettonico-paesaggistiche e culturali , a cominciare dal Castello Normanno Svevo fatto edificare da Federico II e dal Corteo-Torneo dei Rioni, prestigiosa rievocazione storica abbinata più volte alla Lotteria Italia;
nei giorni scorsi il neo Sindaco di Oria, Cosimo Pomarico, ha scritto al Ministro del Turismo per lamentare tale ingiusta penalizzazione, che al danno dell’emergenza immigrazione aggiunge la beffa di un mancato coinvolgimento in una adeguata azione promozionale delle potenzialità turistiche del territorio;

si chiede di sapere
quali siano le eventuali ragioni – a parte una censurabile dimenticanza – che hanno portato alla esclusione della città di Oria da tale spot promozionale;
quali iniziative il Ministro ritenga di dover attivare per garantire il pieno coinvolgimento della città di Oria nelle attività di promozione del turismo nel Mezzogiorno, con particolare riguardo, come dallo stesso Ministro affermato, ai territori – come nel caso della città di Oria – che hanno subìto (e stanno ancora subendo) gli effetti negativi dei rivolgimenti sociali e politici del Nord Africa e del conflitto in Libia.

SEN. SALVATORE TOMASELLI

Oria esclusa spot turismo: interrogazione del Sen. Tomaselli

Argomenti correlati: ,

COMMENTA L'ARTICOLO