Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Oria – Confartigianato: pericoloso affidarsi a ditte “in nero”

Informazioni

Scritto da il 17 Aprile 2012 - 11:40

In un incontro informativo promosso da Confartigianato presso la sede Comunale di Oria, alla presenza delle categorie Artigiane degli Edili ed Impiantisti, dei tecnici, del Responsabile della sede di Oria Dott. Alfonso Panzetta e la Direzione Provinciale del Lavoro nella persona della Dott.ssa Mariateresa Cuppone, in qualità di organo ispettivo preposto alla vigilanza anche sulla regolarità dei cantieri edili, sono state evidenziate le responsabilità oltre che per le imprese e per i Tecnici professionisti anche per i privati sulla scelta delle imprese a cui affidare i lavori.

Dall’incontro è emerso che, i committenti privati non conoscono o fanno finta di non conoscere le leggi quando affidano lavori di edilizia ed impiantistica ad aziende totalmente o parzialmente non in regola.

La ricerca del preventivo più basso, a discapito del rispetto delle regole, espone il privato a sanzioni penali ed amministrative molto salate.

Dott. Alfonso Panzetta, responsabile Confartigianato Oria

Non basta essere in regola con la pratica edilizia prima di avviare dei lavori di ristrutturazione o costruzione, ma bisogna stare attenti alla regolarità dell’impresa dal punto di vista amministrativo e dell’idoneità tecnico professionale, requisiti che devono essere verificati dai tecnici di fiducia.

La superficialità nell’affidare il lavoro tenendo conto solo del preventivo più basso può costare caro ai privati, infatti la mancata verifica dell’idoneità tecnico professionale prevede a carico del committente l’arresto da 2 a 4 mesi o un’ammenda da €1.000 a € 4.800. Molto più salate le sanzioni previste in caso di affidamento di lavori “in economia” ad aziende totalmente in nero dal punto di vista amministrativo con una maxi sanzione per il committente – in questo caso considerato datore di lavoro – da €. 1.500 ad €. 12.000 per ciascun lavoratore, maggiorata di €. 150 per ogni giorno di lavoro effettivo.

Oria – Confartigianato: pericoloso affidarsi a ditte “in nero”

Argomenti correlati:

COMMENTA L'ARTICOLO