Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Oria: brillante operazione antidroga dei Carabinieri, 4 arresti

Cronaca

Scritto da il 7 Novembre 2012 - 12:56

Operazione “Scutari”: intercettazioni ambientali hanno consentito l’arresto di 4 presunti complici di un ragazzo già arrestato nello scorso giugno.

È possibile visionare anche Video: conferenza stampa dei CC – Oria, arresti per coltivazione di droga

Il Luogotenente Roberto Borrello, comandante della Stazione dei Carabinieri di Oria

Durante la notte i militari della Compagnia Carabinieri di Francavilla Fontana e della Stazione Carabinieri di Oria hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere.

In manette sono finiti quattro giovani oritani, già noti alle Forze dell’Ordine. Si tratta dei fratelli Cosimo e Riccardo Andriani, rispettivamente di 28 e 26 anni, di Stefano Conte, di 19 anni, e del 22/enne Franco Pacifico.

La brillante attività di indagine operata dai Carabinieri di Oria, sotto la guida del comandate Roberto Borrello, è iniziata il 19 giugno 2012 quando i militari arrestarono il 27/enne Valentino Andriani. Il ragazzo all’interno di un casolare abbandonato, oltre a sottrarre illecitamente corrente elettrica, aveva realizzato una florida piantagione di marijuana.

L’arresto fu il frutto di una complessa attività di indagine iniziata il 5 marzo scorso, quando i Carabinieri, in servizio di pattugliamento a piedi, avevano notato nei pressi di vicolo Scutari,  a pochi passi dall’Ufficio Postale nel centro storico di Oria, un giovane che si era allontanato da una casa abbandonata con fare sospetto .

Il giorno seguente, notando che il portone della casa abbandonata era aperto, i militari eseguirono un sopralluogo riscontrando immediatamente la presenza di un cavo elettrico che da un contatore Enel saliva lungo una rampa di scale usciva da una finestra al primo piano e si immetteva in un giardino confinante e pertinente ad altra abitazione attigua e abbandonata.

La droga sequestrata

Ulteriori accertamenti permisero di verificare che il cavo elettrico entrava in un vano scale dell’abitazione attigua dove furono rinvenuti due sacchi di juta, una lampadina elettrica, delle buste di plastica tagliuzzate, del nastro adesivo ed altro materiale.

Adiacente al vano scale c’era un’altra stanza chiusa da una porta in legno a due ante, fissata con filo in ferro, dentro la quale furono rinvenute sul pavimento delle infiorescenze di cannabis–marijuana.

La Stazione dei Carabinieri di Oria

Per individuare i responsabili, i Carabinieri installarono delle microcamere grazie alle quali venne ripreso Valentino Andriani mentre si introduceva nella stanza, preleva una parte di sostanza stupefacente, la posava per terra e iniziava a confezionare le dosi. Da qui l’intervento dei militari che sequestrarono 1 chilo e 210 grammi di marijuana già essiccata.

Parve subito chiaro ai Carabinieri che una così grande organizzazione logistica non poteva essere frutto dell’operato di una sola persona.

Grazie alle indagini tecniche ma soprattutto alla conoscenza da parte dei militari della stazione delle frequentazioni del Valentino, ben presto e facilmente sono stati identificati i quattro presunti complici, tra cui i suoi due fratelli Riccardo e Cosimo.

Il tenente Simone Clemente, comandante del NORM di Francavilla Fontana illustra i dettagli durante la conferenza stampa

L’utilizzo di intercettazioni ambientali ha consentito l’ascolto di conversazioni tra i quattro arrestati e Valentino Andriani, durante le quali venivano pattuite le risposte da dare in caso di eventuali interrogatori, utili a discolpare lo stesso Valentino dopo l’arresto.

I Carabinieri hanno anche avuto modo di ascoltare discorsi nei quali si discuteva dei rispettivi guadagni persi a causa del sequestro della droga.

«L’intervento dei militari dell’Arma – si legge nel comunicato del Comando Provinciale dei Carabinieri – non si è limitato al solo recupero dello stupefacente e all’arresto di uno solo dei responsabili, ma si è protratto sino in fondo, per consegnare alla giustizia tutti i responsabili e garantire al comune di Oria maggiore serenità. Con il blitz di questa mattina ha terminato, infatti, la sua esistenza la piccola società gestita da 5 giovani».

I provvedimenti di custodia cautelare in carcere sono stati emessi dal Tribunale di Brindisi – Ufficio del GIP dott. Maurizio SASO, su richiesta della Procura della Repubblica Sost. Proc. Dott. Milto Stefano DE NOZZA. Le accuse sono di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, non è invece contestato lo spaccio.

Cosimo Andriani, 28 anni

Riccardo Andriani, 26 anni

Stefano Conte, 19 anni

Franco Pacifico, 22 anni

Oria: brillante operazione antidroga dei Carabinieri, 4 arresti

Argomenti correlati: , , , ,

COMMENTA L'ARTICOLO