Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Oria: ancora arresti per auto rubate

Cronaca

Scritto da il 11 Gennaio 2012 - 18:14

Carabinieri del Norm di Francavilla Fontana

Prosegue senza sosta il controllo del territorio da parte dei Carabinieri della Compagnia di Francavilla Fontana, guidati dal capitano Giuseppe Prudente, e della stazione di Oria, guidati dal luogotenente Roberto Borrello.

L’azione di pattugliamento e l’istituzione di posti di controllo lungo le vie di Oria hanno portato ancora una volta all’arresto di persone individuate a bordo di mezzi rubati.

Con modalità simili a quanto avvenuto poche settimane fa, i carabinieri dell’aliquota Radiomobile nella giornata di ieri hanno inseguito a sirene spiegate un’auto che non si era fermata all’alt.

Una Fiat Panda, con targhe risultate poi rubate nel lontano 1997, aveva tentato la fuga allontanandosi verso contrada Salinelle (situata tra la Madonna della Scala e il Campo Sportivo).

Rodolfo Mingolla, 27 anni

I due occupanti avevano abbandonato il mezzo tentando di dileguarsi tra gli uliveti, ma sono stati bloccati dai militi della Radiomobile prontamente coadiuvati dal personale della Stazione di Oria.

La Panda, alla quale erano state applicate le targhe rubate, era stata a sua volta asportata pochi giorni prima ad Erchie.

Grazie alle perquisizioni personali e domiciliari dei due, sono stati rinvenuti un grimaldello e le targhe originali della Fiat Panda.

Luca Micelli, 18 anni

In arresto in flagranza di reato sono finiti Rodolfo Mingolla, di 27 anni e Luca Micelli, di soli 18 anni, entrambi di Oria.

I reati di cui sono accusati a vario titolo sono ricettazione, riciclaggio, possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli e guida senza patente.

I due sono stati associati presso la casa circondariale di Brindisi, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Oria: ancora arresti per auto rubate

Argomenti correlati: , , , ,

COMMENTA L'ARTICOLO