Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Oria: Ad un anno dalle comunali sale la febbre sul web

Editoriale

Scritto da il 10 Maggio 2010 - 18:12

Proliferano già le iniziative “online” in vista delle prossime elezioni.

L'attuale sindaco messo alla gogna. Si preannuncia una campagna elettorale senza esclusione di colpi. (Foto a tema, giusto per non essere nè seri, nè seriorsi).

Il rintocco del “-1 anno” alle elezioni comunali ha scatenato ad Oria un forte risveglio, più di quanto accaduto alla vigilia delle regionali.
Ovviamente non parliamo del celebre “risveglio degli oritani”, obiettivo agognato dai tanti oppositori dell’attuale amministrazione, speranzosi in un cambio di tendenza rispetto alle precedenti tornate elettorali. Ma del fermento che si sta diffondendo tra politici e politicanti di ogni colore.

Strumento prediletto il “web”, dove proliferano comunicati e contro-comunicati, nascono siti, blog, gruppi e pagine su Facebook e persino presunti giornali seri e non seriosi, contrapposti a quanto già esistente.

Si sono dunque aperte le danze di quella che si preannuncia come una campagna elettorale senza esclusione di colpi, dove le opinioni diventano fatti e i fatti rischiano di passare in secondo piano.

Una frenetica corsa all’obiettivo finale: l’elettore. In cui la razionalità e l’oggettività potrebbero venir meno in favore della passione politica; in cui il rispetto delle differenti vedute e l’onestà intellettuale rischiano di perdersi nella aspra dialettica o, peggio, nella superbia.

Ma si sa, questa è la politica, da ogni parte la si guardi.

Oria.info, che da due anni opera in città, continuerà ad essere un organo “super partes” in questo labirinto di informazioni, a disposizione di tutti e in stretta connessione con le istituzioni e la comunità oritana.

Un sito pronto a raccontare le notizie liete e quelle drammatiche, a promuovere le iniziative socio-culturali e a lanciare nuovi servizi, accettando anche le critiche. Ma distante dal populismo demagogico, anima e ricchezza di tante realtà del web italiano, e dagli interessi isolati delle singole parti politiche.

Un prodotto editoriale indipendente che rivendica in questo momento le proprie radici di libertà attecchite in un progetto imprenditoriale fine a se stesso, e non, come sovente accade, in stabbio politico o para-politico mascherato da “informazione”.

Claudio Matarrelli

Oria: Ad un anno dalle comunali sale la febbre sul web

Argomenti correlati: ,

COMMENTA L'ARTICOLO