Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Nome di Piazza in vendita. Avviso pubblico della Città di Oria

Cronaca, Curiosità

Scritto da il 17 Settembre 2013 - 12:57

piazza-sito-archeologicoIl Comune di Oria cerca i fondi per ripristinare il sito archeologico ormai abbandonato di «via Erotodo di Alicarnasso» (N.B. il nome corretto è Erodoto!!) e si rivolge ai privati, offrendo in cambio del denaro una controprestazione molto particolare.

«Al soggetto finanziatore dell’opera – si legge nell’avviso pubblico – sarà riconosciuto da parte del Comune quale unica controprestazione per il finanziamento e realizzazione dell’opera il diritto permanente di intitolare l’area e la piazzetta antistante ad un determinato soggetto; l’area e le opere realizzate resteranno nella esclusiva proprietà del comune; nessun riconoscimento economico potrà essere attribuito al soggetto finanziatore al quale resta preclusa qualsiasi forma di sfruttamento commerciale ed economica delle opere realizzate».

Requisiti per partecipare e quindi farsi dedicare la piazza? Uno solo e forse non sarebbe neppure necessario  dirlo: «disponibilità finanziaria per l’investimento complessivo da realizzare».

Vi chiedete se qualcuno vorrà dare la propria adesione? Ebbene sì. L’avviso pubblico nasce proprio dalla generosa richiesta di una famiglia, che già da tempo ha offerto il proprio finanziamento, in cambio dell’intitolazione ad un figlio prematuramente scomparso della piazzetta (al momento bruttina) situata alla spalle del municipio.piazza-sito-archeologico

Quello pubblicato sull’albo pretorio del comune appare come un imbarazzante avviso pubblico pro forma, per inseguire le procedure previste dalla legge e poter accogliere la richiesta fatta dalla citata famiglia.
A sorpresa, però, anche altri potrebbero ambire a rivalutare quella piazza e a dedicarla ad un proprio congiunto o, perché no, a se stessi dopo la morte. Qualche facoltoso, magari straniero, potrebbe lasciarsi sedurre dall’idea di far campeggiare in maniera permanente il proprio nome affianco ai resti dell’antica civiltà messapica.

Per gli interessati è necessario offrire la propria disponibilità, corredata da apposita relazione sugli interventi di riqualificazione offerti e, soprattutto, supportare la richiesta con i propri meriti: «Dichiarazione di uno o più istituti di credito attestante la disponibilità finanziaria». C’è tempo sino alle ore 12:00 del 01/10/2013.

La rivalutazione di quell’area è necessaria e auspicabile, ma anche la tutela di preziosi valori astratti. Forse una targa commemorativa nei pressi del parco archeologico sarebbe stata più giusta e dignitosa. Dopo questo avviso pubblico di eterno ci sarà il forte ricordo, poco bello, di quel nome di Piazza venduto.

Nome di Piazza in vendita. Avviso pubblico della Città di Oria

COMMENTA L'ARTICOLO