Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Niccolò Copernico, lo scienziato che ispira il doodle di Google

Dall'Italia e dal mondo, Scienza e Tecnologia

Scritto da il 19 Febbraio 2013 - 2:10

Il 540 ° anniversario della nascita di Niccolò Copernico ha ispirato il “Doodle” di Google mostrato in tutta Europa.
Niccolò Copernico

Niccolò Copernico è ricordato oggi, 19 febbraio 2013, da Google in occasione del 540 ° anniversario della sua nascita: un logo artistico, dedicato alle sue scoperte, è stato pubblicato nella home del motore di ricerca più utilizzato al mondo.

Lo scienziato, celebre per il modello eliocentrico del Sistema Solare, nacque il 19 febbraio del 1473 a Toruń, in Polonia, da una famiglia di commercianti benestanti.

Nel 1491 Nicolò Copernico entrò all’Università di Cracovia, ma nel 1496 si trasferì in Italia con l’obiettivo di completare la sua formazione a Bologna, dove studiò diritto canonico subendo l’influenza dell’umanesimo italiano.

Copernico si laureò in diritto canonico presso l’Università di Ferrara nel 1503. Nello stesso anno tornò nel suo paese, dove lavorò come consulente di fiducia del tribunale episcopale di Lidzbark Warminski, al fianco dello zio che era vescovo.

In seguito alla morte del vescovo, si trasferì a Frombork, dove si dedicò alla teoria economica e, in particolare, allo studio della riforma monetaria, argomento sul quale pubblicò un trattato.

I suoi interessi erano vasti, così oltre al settore umanistico umanistico si dedicò alla medicina e, nel 1507, diede vita anche al suo primo modello di sistema astronomico eliocentrico, che si opponeva al tradizionale sistema tolemaico.

Niccolò Copernico nel 1536 rese pubblico un manoscritto di sintesi, un’opera compiuta che stabiliva la sua teoria in sei assiomi. Si trattava di un’analisi matematica intitolata “La rivoluzione delle sfere celesti”.

La teoria di Copernico propose che il movimento del Sole e delle sfere celesti durante il giorno è solo apparente: effetto di una rotazione che la Terra compie intorno al proprio asse durante le 24 ore. Fatto in realtà già asserito da molti altri precedentemente.

Tuttavia il contributo reale di Copernico fu quello di proporre che la Terra non era il centro del mondo, ma che la Terra e tutti gli altri pianeti ruotassero intorno al Sole.

Da quel momento la teoria eliocentrica iniziò a espandersi rapidamente, crebbero i sostenitori tra gli scienziati di tutto il mondo, ma anche gli oppositori, soprattutto tra i teologi.

Nel 1616, la Chiesa cattolica relegò il lavoro di Copernico nella lista dei libri proibiti. Lo scienziato polacco morì il 24 maggio 1543.

La sua teoria fu in seguito ampliata, corretta, ma fondamentalmente confermata dagli studi di Keplero e Galileo Galilei.

Niccolò Copernico, lo scienziato che ispira il doodle di Google

COMMENTA L'ARTICOLO