Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

“Il Castello di Francavilla Fontana è mio”, battaglia legale su eredità di due secoli fa

Cronaca, Provincia di Brindisi

Scritto da il 2 Giugno 2010 - 15:23

Presentato un esposto a Torino, sulla misteriosa sparizione di alcuni documenti.

Il Castello di Francavilla Fontana è mio, battaglia legale su eredità di due secoli faUn esposto è stato presentato alla procura di Torino affinché venga accertata la sorte di documenti che comproverebbero la proprietà di ingenti beni, tra cui il Castello Imperiali di Francavilla Fontana.

L’esposto è stato presentato da Concetta Geusa, assistita dall’avvocato Lorenzo Aimerito, per capire che fine abbiano fatto dei documenti che sarebbero misteriosamente svaniti nel nulla o, forse, dolosamente distrutti.

L’ultimo episodio di una vicenda che dura da decenni e che vede Concetta Geusa, residente a Torino, ma originaria di Mesagne, reclamare l’eredità di Marianna Vittoria De Fazio, di cui afferma di essere discendente.

Secondo Geusa, nel 1821 circa, Michele e Andrea Imperiali avrebbero lasciato con un testamento tutte le loro proprietà, tra cui il castello che ospita gli uffici del Comune di Francavilla Fontana, alla sua antenata Marianna Vittoria De Fazio.

Il castello sarebbe poi stato affittato nella prima metà dell’Ottocento al comune. Ma la proprietà sarebbe rimasta ai suoi avi, dice Concetta Geusa, e oggi spetterebbe a lei.

Negli archivi le tracce della proprietà si perdono nel 1940, ma dalle ricerche della donna in archivi statali, del catasto e delle parrocchie, sarebbero emerse prove che effettivamente quel patrimonio sarebbe ancora suo, ragion per cui è stato presentato il nuovo esposto, che giunge dopo una lunga battaglia legale, caratterizzata in passato da diverse archiviazioni, che però non hanno convinto la donna a desistere.

“Il Castello di Francavilla Fontana è mio”, battaglia legale su eredità di due secoli fa

Argomenti correlati:

COMMENTA L'ARTICOLO