Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

ExFadda “L’Officina del Sapere” a San Vito dei Normanni

Provincia di Brindisi

Scritto da il 21 Luglio 2010 - 11:19

Venerdì 23 luglio si inaugura alle ore 18.30 presso l’ExFadda di San Vito dei Normanni (Br) “L’Officina del Sapere” Laboratorio Urbano e Città dei Ragazzi.

ExFadda è un edificio dei primi del Novecento di oltre 3000 metri quadrati. I bellissimi fabbricati conosciuti dai sanvitesi come “ex fadda”, dopo decenni di immeritato silenzio, torneranno a parlare, a dialogare con la città e la sua popolazione, ritrovando un rapporto perduto da troppo tempo.

“L’Officina del Sapere” nasce grazie al progetto “Bollenti spiriti” della Regione Puglia, con il sostegno del Comune di San Vito dei Normanni, e vuole raccontare ancora storie che parlano di teatro, di cinema, di arte, di musica. Uno spazio dentro al quale si cercherà di dare una senso comunitario alla parola cultura.

L’associazione Culturale “Le Ali di Pandora” partecipa presentando la mostra in itinere “Aracne: tra mito e contemporaneità”. In esposizione ci saranno arazzi contemporanei, quilt, sculture tessili, art wear di Maria Grazia Anglano, Silvia Beccaria e Paola Orlandini, . A introdurre la mostra “Aracne” performance con lavagna luminosa di Daniela Cecere che si avvale della musica del Maestro Mimmo Epifani. “Una combinazione artistico-letteraria, scrive Maurizio Nocera, ruotante intorno ad uno dei più antichi riti, quello di Aracne, la fanciulla Lidia, punita dalla divinità Atena, e citata da Ernesto De Martino ne ‘La terra del rimorso’…”.

La mostra vuole diffondere la cultura dell’arte tessile, o fiber art, nome con cui si designa dagli anni ’60 la produzione artistica caratterizzata dall’impiego di fibre naturali e/o artificiali, dove la fibra sia essa lana, gomma, carta, metallo o plastica è lo strumento linguistico con il quale gli artisti concepiscono e danno luce all’idea

Se il mito di Aracne lega la dea Atena al ragno, in molte mitologie è legato ai miti della creazione. Il ragno tesse la tela creando il proprio mondo e attende al suo centro lo svolgersi degli eventi. Il ragno tira, dunque, le fila della creazione. Scrive Cristina Calicelli al riguardo “…I fili, e soprattutto il loro intreccio, rappresentano spesso una metafora della memoria”

Scrive Ambra Biscuso: “Maria Grazia Anglano, salentina, Silvia Beccarla, piemontese, Paola Orlandini toscana, tre artiste tre modi diversi di “fare” fiber art. Tessere significa anche annodare, vincolare, in una condizione senza fine né principio. Se la Beccaria ha urgenza a fermare, trattenere, catturare, intrappolare la realtà, il tessuto è fitto e consistente ed il vuoto viene riempito dilatandone i confini con l’inserimento di elementi cromatici diversi così che la tela diventa mezzo di ricerca dell’”Ulteriore”. Nella Anglano il filo è il luogo della metamorfosi, vola annodando lo spazio ed il tempo diventando corda vibrante dell’universo, quasi in un procedere mistico, quasi una preghiera; gli elementi annodati, intrecciati, si stringono a sé stessi in un gioco di equilibrio che collega alla vita. Nelle opere della Orlandini sembra che i fili siano stati lanciati e posandosi sulla tela morbidi, abbandonati, sensuali fanno sì che la totalità sia una creatura a sé stante quasi un macrocosmo nel microcosmo”.

PROGRAMMA

Ore 18:30 Inaugurazione della struttura

INTERVENTI


On. Nichi Vendola
– Presidente Regione Puglia

Nicola Fratoianni – Assessore alle Politiche Giovanili Regione Puglia
Roberto Covolo – Staff Bollenti Spiriti
Alberto Magli – Sindaco di San Vito dei Normanni
Vittorio Zizza – Sindaco di Carovigno
Massimo Ferrarese – Presidente Provincia di Brindisi
Francesco Nacci – Commissario APT Brindisi
Alfredo Malcarne – Presidente Camera di Commercio di Brindisi
Don Antonio Rosato
Rocco Siciliano – Direttore Laboratorio Urbano EXFADDA

Ore 19:30
L’officina si mette in moto: esposizioni, spettacoli, mostre, ludoteca, degustazione prodotti tipici e intrattenimento con la partecipazione del “Ciclo-Circo” e i Ciclosofici delle Ciclofficine

Ore 20:00

“Aracne” performance con lavagna luminosa di Daniela Cecere su musica di Mimmo Epifani, a cura di “Le ali di Pandora”

Ore 20:30

“Aracne: tra mito e contemporaneità” mostra con esposizione opere di Maria Grazia Anglano, Silvia Beccaria Paola Orlandini- a cura di “Le Ali di Pandora” – allestimento Andrea Scolavino

Ore 21:30

Performance musicali con Mimmo Epifani e gli Epifani Barbers

Cenni storici sull’exFadda

L’ex stabilimento enologico Dentice di Frasso è situato all’ingresso del centro abitato di San Vito dei Normanni nell’area che va da via Brindisi a via mare per 18.000mq. L’imponente fabbricato fu costruito nei primi del ‘900 dalla Famiglia Dentice di Frasso al fine di avviare un importante opificio per la produzione enologica. L’edificio ha una superficie di circa 3000 mq ed è composto di tre corpi di fabbrica. L’ex stabilimento nel corso degli anni ha goduto di diversi interventi di recupero e valorizzazione. I due corpi di fabbrica più importanti conservano caratteristiche uniche: il primo, tutto in muratura, ha ben 18 volte “a spigolo”, il secondo presenta una copertura “a capriate” lignee di altissimo pregio architettonico. Con l’attuazione del progetto Officina del Sapere, il nome, Ex stabilimento enologico “Dentice di Frasso”, declina definitivamente in “exFadda”. i responsabili del piano di comunicazione puntano sul questo nome perché più congeniale alle attività di comunicazione e, più del primo, rievoca ai concittadini i luoghi dell’Officina del Sapere. Il Progetto finalizzato alla creazione di un Laboratorio Urbano individua due diversi ordini di obiettivi:

  • quelli di natura culturale e politica volti a promuovere l’inclusione sociale e la parità di accesso al mercato del lavoro e con l’occhio puntato al mondo degli adolescenti e dei giovani.
  • quelli di natura imprenditoriale per attivare la miglior gestione e pianificare opportunità di crescita. L’Officina del Sapere intende dar vita ad un sistema integrato di attività e di servizi di interesse culturale, ma anche di rilievo sotto il profilo sociale e professionale.

Ente gestore Si tratta di un gruppo eterogeneo di società ed associazioni tutte rigorosamente del territorio: L’Associazione Culturale “Bendicò e le stelle”, di recente costituzione. In essa si fondono 3 professionalità differenti ma indispensabili l’una per le altre: un videomaker esperto di videoripresa, un fotografo, uno studioso di cinema e scrittura critica. L’Associazione Culturale “La Lanterna Magica”. Di essa fanno parte operatrici specializzate con esperienze individuali decennali nel settore dei servizi di ludoteca. L’associazione trova il suo punto di forza nella volontà di voler promuovere attività legate alla sensibilizzazione dei temi dell’inclusione sociale con particolare riferimento ai soggetti svantaggiati, della donna, degli emarginati. L’Associazione Culturale “Magazzini Teatrali Dardagnam”, riunisce artisti e professionisti legati al teatro e provenienti da diverse esperienze personal. L’Associazione realizza spettacoli di teatro per ragazzi e per adulti, gestisce laboratori teatrali sia nelle scuole di ogni grado e indirizzo che nelle Università, promuove eventi, manifestazioni e gruppi di ricerca sul teatro. L’Associazione Culturale “Un Futuro a Sud”. Le operatrici lavorano per realizzare attività didattiche rivolte a minori provenienti da famiglie disagiate, al fine di prevenire devianze sociali e contenere la dispersione scolastica. L’Associazione Culturale “Epifani Barbers”. Capitanata dal Maestro Mimmo Epifani, considerato dalla critica uno tra i migliori musicisti e conoscitori di musica etnica di livello internazionale. Esegue concerti in tutto il mondo ed è componente dell’Orchestra de La Notte della Taranta. La Società Sandei (società mandataria del gruppo) è leader per i servizi di media screening. Opera dal 2002 nel settore dei servizi di Ufficio Stampa e Comunicazione per Enti pubblici e privati. La società vanta esperienze importantissime, tra cui quelle con la Regione Puglia, la Provincia di Lecce, la Provincia di Taranto, la Corte dei Conti, l’Acquedotto Pugliese Spa, l’Università del Salento, Natuzzi Spa, ecc Sandei Srl conta su uno staff costituito da esperti progettisti e consulenti. Sono coordinatori scientifici per Sandei il Prof. Stefano Cristante, Docente di Sociologia della Comunicazione (Unile) ed il Prof. Carlo Gelosi, Docente di Comunicazione Pubblica della LUMSA di Roma. Il piano di gestione dell’Officina del Sapere L’Officina del Sapere poggia su tre imprescindibili pilastri la sua essenza: il Laboratorio Urbano, La Città dei Ragazzi, la Cultura dell’eccellenza. Il Laboratorio Urbano. È lo spazio di tutti i laboratori dell’Arti Audiovisive, del Teatro e dello Spettacolo. Sono previste le attivazione di corsi per ogni possibile fruitore della struttura: Corsi di Audiovisivo e fotografici Junior, per le scuole superiori, corsi professionalizzanti e di specializzazione; Workshop e forum con i più importanti professionisti del settore audiovisivo e fotografico del panorama nazionale ed internazionale. Realizzazione di attività e servizi di supporto alle pubbliche amministrazione ed ai privati. Corsi di Teatro per ogni livello e grado. Saranno sviluppate realizzazioni teatrali per le scuole e le Università Iniziative di collaborazione per nuove sinergie con gli altri laboratori di Bollenti Spiriti del territorio (Imprendigiovani di Brindisi, L’ex Mattatoio di Ceglie, Carovigno, ecc.), con il Barocco Festival, con il Salento Finibus Terrae, Rezzica, ecc. La Città dei Ragazzi Una vera e propria città pensata esclusivamente per i bambini e ragazzi dai 4 ai 17 anni. La Città dei Ragazzi, con i suoi 700 mq, è il luogo dotato di numerose proposte di intrattenimento, che vanno dal gioco al laboratorio, dall’essere spettatore all’essere ideatore. La Città dei Ragazzi è suddivisa in spazi all’aperto e al chiuso a seconda delle finalità. Prenderà vita il Municipio dei piccoli. Uno spazio di interazione educativa in cui bambini e ragazzi sperimentano e conoscono, progettano e operano, crescono insieme. Il Municipio dei piccoli sarà anche un vero e proprio centro di servizi come lo sportello di ascolto alle problematiche adolescenziali e sede del sostegno attivo alla genitorialità. Prevede al suo interno: L’area laboratori volta alla valorizzazione ed uso qualificato del tempo libero. Lo spazio ludoteca in cui viene attuato il diritto al gioco in tutte le sue forme. In ludoteca i bambini trovano circa 200 giochi da tavolo opportunamente selezionati e classificati. Spazio biblioteca conta su circa 900 libri per bambini La Cultura dell’eccellenza Con la realizzazione dei progetti: Il Mercato Ris-Coperto Vuole essere una iniziativa che mira a valorizzare i prodotti “tipici” del territorio ed al tempo stesso smuovere, attivare le economie locali di eccellenza già esistenti e rianimare quelle latenti. L’area presenterà una galleria espositiva in cui i produttori e gli artigiani locali potranno commercializzare i prodotti aziendali. L’Accademia del Ballo di San Vito del Maestro Mimmo Epifani Il progetto prevede l’attivazione di corsi propedeutici per l’orientamento e l’educazione musicale destinati alle varie fasce di età, che avranno anche il fine di realizzare saggi stagionali. Si realizzeranno inoltre concerti e scambi culturali con altri paesi del Mediterraneo per lo sviluppo, la divulgazione e la contaminazione della musica etnica. Il Centro deve puntare ad aggregare vari esperienze artistiche locali e del Grande Salento con il fine di costituire un luogo dove potersi esprimere e creare una vera e propria compagnia stabile per la musica e il ballo popolare.

ExFadda “L’Officina del Sapere” a San Vito dei Normanni

Argomenti correlati:

COMMENTA L'ARTICOLO