Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Estate oritana 2014: il bilancio dell’assessore Zanzarelli

Politica

Scritto da il 14 Ottobre 2014 - 16:43

Diamo voce all’assessore al Turismo della Città di Oria, ing. Claudio Zanzarelli, che offre la propria analisi al termine dell’Estate Oritana 2014.

Assessore al Turismo, Claudio Zanzarelli

Assessore al Turismo, Claudio Zanzarelli

Stagione estiva 2014: bilancio positivo
I punti di forza da confermare sono i soddisfacenti risultati raggiunti con pochi strumenti a disposizioneMentre sistemiamo ormai in archivio gli ultimi fascicoli riguardanti l’Estate oritana 2014, sento la necessità – e anche un po’ il dovere – di esprimere alcune considerazioni in merito, nella rivestita qualità di assessore alla Cultura, al Turismo, allo Sport e allo Spettacolo della Città di Oria.

Sono certo di interpretare il comune sentire dell’intera Amministrazione comunale di Oria nel riconoscere che la nostra bella città non è solo una morbida distesa di rose e fiori ed è ben lontano da noi qualsiasi tentativo di minimizzare importanti problematiche nascondendosi dietro il successo della una serie di iniziative stagionali; credo, però, che questa “Estate oritana 2014” possa definirsi una esperienza positiva per Oria.

Per prima cosa si è ritenuto particolarmente opportuno curare oltremodo la proposta grafica del cartellone estivo e la promozione degli eventi, curata interamente dalle professionalità di “Idearadio” e di “Oraspot”. Ritengo che questa prerogativa sia stata particolarmente redditizia, perché ha reso accattivante la proposta turistica ed ha lasciato un logo, opera della bravissima dott.ssa Nadia Spinosa, che ci auguriamo diventi un marchio per le future stagioni estive.

Mettendo su il cartellone estivo, si è avuta cura che fossero appagati i più svariati interessi del potenziale pubblico, inserendo spettacoli, eventi culturali ed appuntamenti musicali, dedicando uno spazio anche allo sport ma puntando soprattutto a soddisfare le dinamiche della domanda turistica con un’offerta di qualità. Quest’anno infatti (considerando i dati rilevati dallo IAT cittadino, la cui impeccabile gestione è stata curata, oltre che dall’Ufficio Servizi socio-culturali, dalla cooperativa “Nuova Yria” che svolge anche visite guidate alle principali attrazioni cittadine con indiscutibile professionalità) la presenza turistica in Oria è aumentata in modo vertiginoso e – sebbene tante criticità siano ancora da risolvere – la città non si è trovata impreparata a tali maggiori presenze che hanno recato utilità all’indotto economico, prevalentemente alle attività di ristorazione e ricettive. Ne offre conferma l’associazione “VisitOria”, che svolge brillantemente opera di prima accoglienza ai numerosi turisti che affollano la nostra città. L’attenzione turistica su Oria è testimoniata, fra l’altro, da un articolo pubblicato lo scorso 5 settembre nelle pagine nazionali del “Corriere della Sera” dal titolo “Non solo mare, la Puglia che non chiude mai” a firma di Michela Proietti, in cui la nostra città è definita “in ascesa”; utile ricordare anche come Oria sia approdata nella top ten degli Open Days (piano regionale di visite turistiche), collocandosi tra le 10 mete turistiche pugliesi preferite nell’estate 2014.

Entrando più nello specifico, porto – a beneficio dell’obiettività – alcuni dati numerici. Il cartellone estivo 2014 ha contenuto 71 iniziative, alcune delle quali durate più giorni o contenenti al proprio interno più appuntamenti. Solo pochi, tra gli eventi previsti, non hanno potuto aver luogo o sono stati rimandati e tutti per cause di forza maggiore; ciascun rinvio o annullamento è stato adeguatamente annunciato, pur nella consapevolezza che ogni avviso avrebbe recato dietro di sé polemiche e ruvidi commenti. Il numero delle iniziative previste e realizzate è stato tuttavia nettamente superiore agli anni precedenti.

Il costo totale dell’Estate oritana 2014 è ammontato a poco più di 44mila euro, cifra che alcuni comuni spendono per una sola serata e comunque inferiore ai circa 49mila euro spesi nel 2013 e agli oltre 64mila euro del 2012, edizioni dell’Estate oritana dal soddisfacente livello che sono state una base per fare di più e fare meglio con il cartellone di quest’anno, in linea con le direttive di questa Amministrazione che ha sempre teso a produrre maggiori risultati.

Fondamentale e insostituibile il ruolo svolto dalle tante associazioni operanti sul territorio che, ancora una volta, hanno dimostrato di essere uno dei principali ingredienti della nostra Oria migliore. È questa per me l’occasione di ringraziarle pubblicamente. Il plauso alle associazioni è dovuto soprattutto per due motivi: il primo perché il prodotto offerto qualitativamente in termini di iniziative è eccezionale; il secondo riguarda la disponibilità messa in campo nonostante le esigue risorse economiche disponibili, facendo emergere lo spirito di volontariato che nobilita tante realtà oritane. All’Amministrazione comunale va solo il merito di aver puntato con fiducia su di loro: ogni altro importante risultato è frutto della loro generosissima attività. Si avverte dunque la necessità di un loro maggiore coinvolgimento e di un ulteriore investimento nella collaborazione con le istituzioni.

A fare da corona al “cuore” dell’Estate oritana che è il Corteo storico di Federico II e il Torneo di Rioni, (manifestazione consolidata fra le rievocazioni storiche più belle in Italia, che ha registrato l’ennesimo successo) ci sono state tante idee poi divenute realtà. Non potendole citare tutte, mi scuserete se faccio particolare riferimento anzitutto al Paratorneo dei Rioni, novità di straordinaria portata sociale, al raduno nazionale del GiroVespa, allo spettacolo dei cabarettisti Pio e Amedeo nella rassegna “San Pio da Pietrelcina”, al Gran Gala della Cultura, allo spettacolo storico teatrale “Corradino”. Grande soddisfazione anche per tutta una serie di eventi curati da realtà prevalentemente giovanili quali la rassegna culturale “Un pozzo di cultura”, il partecipato evento musicale “Labemolle”, la proposta degli Orti urbani, la mostra “Media Aetas duellatorum” e “Re-Art” la Settimana dell’Arte; importanti poi le tradizionali feste religiose estive, patrimonio della nostra cultura cittadina e le tantissime sagre e i tanti “villaggi” e mercatini che hanno reso la nostra città la meta ideale per tanti turisti.

Una nota particolare va fatta al coreodramma “Artemisia” che ha avuto quali protagonisti Carla Fracci e Toni Candeloro. Tale evento, che ha dato a Oria molta visibilità per l’interessamento della stampa nazionale e internazionale, era certamente particolarmente gravoso per le nostre potenzialità. Ciò ha causato alcune difficoltà che hanno creato lacune per le quali da questa Amministrazione comunale – e da me in particolare – necessitano scuse. Fra le varie cose la sopravvalutazione delle sponsorizzazioni che ha portato allo spiacevole episodio riguardante i biglietti di accesso allo spettacolo, alla cui scelta di renderli a pagamento hanno contribuito anche motivazioni riguardanti la gestione dell’ordine pubblico. L’iniziativa è comunque riuscita e un ringraziamento va a quanti hanno collaborato, in particolare alla Pro Loco di Oria co-organizzatrice dell’evento, alle “case vacanza” che hanno ospitato gratuitamente gli artisti e ai pochi ma generosi sponsor che tanto offrono alla nostra città.
Novità importante dell’Estate oritana, meritevole di menzione, è stata la serie di appuntamenti del Centro Storico Sinfonico, progetto premiato dalla Regione Puglia e destinatario di apprezzamenti.

Ritengo utile inserire in questo resoconto anche una riflessione circa la questione “40 biglietti del Torneo” in cui sono stato tirato dentro nella scorsa estate. Chiarisco che in una riunione istituzionale tra me – quale assessore – e l’organizzazione del Torneo dei Rioni espressi l‘opportunità che l’Amministrazione comunale avesse a disposizione un pacchetto di inviti alla manifestazione da utilizzare in scopi quali – per esempio – la presenza di delegazioni di comuni o di autorità e altre istituzioni. Mai ho fatto riferimento alla cifra citata e inequivocabile è stato il mio riferimento all’esclusivo opportuno utilizzo istituzionale. Io stesso ho comprato il biglietto del Torneo, come è giusto che sia. Amarezza mi ha dato il fatto che alcuni consiglieri comunali abbiano citato presunte “fonti certe”, tralasciando ulteriori verifiche che nella fattispecie sarebbero state necessarie.

Concludo esprimendomi positivamente su questa esperienza dell’Estate oritana 2014, resa possibile – come già detto sopra – grazie alla collaborazione di molti. Un grazie particolare al sindaco Cosimo Pomarico che non mi ha mai abbandonato nei momenti più difficili e ha sempre seguito con instancabile passione la preparazione di ogni singolo appuntamento; ringrazio gli Assessorati alle Pari Opportunità, ai Servizi sociali, ai Lavori pubblici e alle Attività produttive che hanno molto collaborato nella buona riuscita dell’iniziativa, fortificando quello spirito di squadra nel quale crediamo fin dal primo giorno. Grazie alla collaborazione degli uffici comunali di Ragioneria e Polizia municipale e, in particolare, all’Ufficio Servizi socio-culturali e alla suo responsabile dott.ssa Antonella Gobbi, che ha curato ogni aspetto formale andando spesso oltre le proprie competenze e oltre i dovuti orari di lavoro, pur di garantire il buon esito di ogni manifestazione. Infine, rivolgo un sentito grazie ai collaboratori volontari che hanno offerto un valido aiuto per la realizzazione di tutta la stagione estiva: il prof. Pino Malva, il dott. Pierdamiano Mazza, Vincenzo De Nuzzo, Simona Micelli, Lara Chiedi, Antonio Carbone e Anna Claudia D’Amuri; scommettere su di loro è stato motivo di soddisfazione.

Sono certo che nel futuro la nostra Città potrà continuare a esprimere la sue buone potenzialità e migliorare quanto c’è da migliorare.

Oria, 14 ottobre 2014

Ing. Claudio Zanzarelli
(Assessore alla Cultura, al Turismo, allo Sport e allo Spettacolo della Città di Oria)

Estate oritana 2014: il bilancio dell’assessore Zanzarelli

Argomenti correlati:

COMMENTA L'ARTICOLO