Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Convegno La Terra nelle Tue Mani.

Informazioni

Scritto da il 18 Novembre 2009 - 13:34

La Terra nelle Tue Mani.

MENO Rifiuti in Città, PIÙ Qualità in Campagna

Convegno ad Oria (Br) il 19 novembre,

ore 16.30, Aula Consiliare Città di Oria

Nell’ambito de “La Terra nelle Tue Mani”, Campagna di Sensibilizzazione sulla Riduzione dei Rifiuti e la loro Raccolta Differenziata nella Città di Oria, l’associazione FARE VERDE Puglia è impegnata nel proporre soluzioni alternative all’incenerimento dei rifiuti ed alla prevenzione della desertificazione dell’Italia, dando un concreto utilizzo alla frazione organica, raccolta “porta a porta” dal gestore unico dell’ATO BR/2, ATI Monteco-Cogeir.

In tale ottica FARE VERDE Puglia ha organizzato, con il patrocinio del Comune di Oria, dell’ATO BR/2, della Provincia di Brindisi, del Parco Nazionale dell’Alta Murgia ed il Consorzio Italiano Compostatori, un Convegno di informazione e formazione mirato all’utilizzo agronomico e florovivaistico della frazione organica (scarti alimentari di cucina, mercatali, scarti verdi di aree verdi pubbliche e private) dei rifiuti urbani da utilizzare, sottoforma di compost di qualità, rivolto ai cittadini, agli amministratori, ai docenti, agli agricoltori, agli esercenti.

Nell’occasione, la Presidenza Regionale della Puglia di Fare Verde, sosterrà il compostaggio come alternativa concreta e praticabile al sistema dell’incenerimento, in piena applicazione della normativa UE ed italiana vigente, nonché come unica alternativa alle emergenze rifiuti in atto (Salento e Bari in primis!): di oggi la notizia della chiusura della discarica di Francavilla Fontana.

Nel corso del Convegno sarà proposto alle Confederazioni Agricole intervenute ed al Parco Nazionale dell’Alta Murgia la sottoscrizione di un Accordo tra loro e FARE VERDE Puglia e Consorzio Italiano Compostatori per promuovere la pratica del compostaggio al fine della lotta alla desertificazione e per un’agricoltura di qualità. Inoltre, sarà presentato anche l’opuscolo “Prontuario sul compostaggio domestico”, affinchè ogni cittadino possa contribuire alla riduzione dei rifiuti attraverso piccoli e semplici gesti quotidiani. Inoltre, si parlerà, dello stato del compostaggio in Italia e nella Regione Puglia, grazie alla presenza dell’Avv. Francesco GRECO, Consigliere Parco Nazionale Alta Murgia, del Dott. Verrastro, membro della Consulta Nazionale Tecnica del CIC – Consorzio Nazionale Compostatori, e del Dott. De Giorgi, Consulente AMIU Taranto.

Adottare il sistema di compostaggio non solo consente di ridurre significativamente la quantità di materiale da conferire in discarica (come i dati della R.D. “porta a porta” di Oria dimostrano: in soli 8 mesi – dati di settembre 2009 – 50% di RD complessiva, di cui 25% di frazione organica) e, quindi, all’incenerimento ma consente di:

– migliorare il drenaggio dei terreni agricoli riducendo il fenomeno del dilavamento da forti piogge;

– combattere il fenomeno della desertificazione dei terreni;

– ridurre l’emissione nell’atmosfera di sostanze che concorrono all’effetto serra.

Se al Nord sono molti i Comuni e le Province in cui si recupera, con la raccolta differenziata effettuata con il sistema del “porta a porta”, la frazione umida e verde dei rifiuti (con una media di 58 Kg. prò capite annui di frazione organica raccolta separatamente), proprio al Centro Sud, dove i terreni agricoli soffrono un particolare impoverimento di sostanza organica, si registra un forte ritardo: al Centro si raggiungono 24 Kg. pro capite per anno, mentre al Sud si è fermi ad una media di solo 8 Kg. pro capite annui raccolti, con tante Province e alcune Regioni inattive su questo fronte.

I nostri terreni sono affamati di sostanza organica ed è follia continuare a gettare oltre otto milioni di tonnellate di rifiuti organici a marcire nelle discariche o bruciati negli inceneritori!

Il compostaggio è un’attività sostenibile in quanto viene garantita la sostenibilità delle risorse, la sostenibilità della salute umana e la sostenibilità economica. Le trasformazioni di scarti organici in compost ed il conseguente impiego nei diversi comparti agricoli sono certamente pratiche sostenibili:

L’impiego di compost permette di evitare l’utilizzo di risorse non rinnovabili ed una eccessiva dissipazione energetica (per il trattamento alternativo dei rifiuti, per la produzione di fertilizzanti chimici, ecc); si evita lo smaltimento di scarti organici in modo improprio con evidenti benefici sociali indiretti;

Il relativamente basso prezzo del compost è favorevole al settore agricolo in generale e agli agricoltori in particolare oltrecché all’intera collettività che non deve affrontare spese eccessive per lo smaltimento dei rifiuti organici di scarto.

Il compostaggio, inoltre, permette un’aumento dell’occupazione, sia direttamente nella raccolta della frazione organica porta a porta che nell’indotto, con riduzione dell’onere di smaltimento dei RSU a carico dei cittadini e un possibile guadagno, dalla vendita del compost, per le casse dei Comuni: in tal senso è emblematica l’esperienza del Comune di Rofrano (Sa), Comune Gemellato con Oria, che, in poco tempo, ha raggiunto una percentuale di Raccolta Differenziata vicina al 90%, ha costruito un impianto di compostaggio che occupa 15 dipendenti e devolve al Comune 100.000 euro annui di royalties.

Per ottenere un compost di qualità è necessario che la frazione organica venga raccolta attraverso l’adozione di sistemi domiciliari, quale quello adottato dall’ATO BR/2, che sono gli unici in gradi di produrre risultati qualitativamente validi. La raccolta a domicilio non costa di più di una raccolta con altri sistemi ma produce, come vantaggi diretti per i cittadini:

– un servizio migliore e più comodo;

– aumento del decoro e della pulizia delle strade e dei quartieri derivante dalla scomparsa dei cassonetti stradali.

Non si può scindere la tutela ambientale dalla qualità della produzione agricola e dalla qualità dell’offerta turistica per una Regione, come la Puglia, che proprio su questi settori basa il proprio volano economico e di crescita occupazionale.

Obiettivi tutti che FARE VERDE Puglia propone alla riflessione nel Convegno di Oria.

Oria, 17 novembre 2009

Il Presidente Provinciale FARE VERDE Puglia

f.to Avv. Lolita BIASI

PROGRAMMA

Moderatore: Avv. Francesco GRECO
Consigliere Parco Nazionale Alta Murgia

Saluti: Sig. Cosimo FERRETTI
Presidente ATO BR/2 – Sindaco di Oria

Dott. Agr. Francesco MORLEO
Assessore Ambiente ed Agricoltura Città di Oria

Relatori: Dott. Vincenzo VERRASTRO
Membro Comitato Tecnico Nazionale del Consorzio Italiano Compostatori

Dott. Francesco CARBONE
Direttore COLDIRETTI Brindisi e Taranto

Dott. Adriano ABATE
Direttore CONFAGRICOLTURA Brindisi

Dott. Antonio SIRSI
Direttore COPAGRI Brindisi

Dott. Luigi D’AMICO
Presidente CIA Brindisi

Dott. Roberto DE GIORGI
Consulente AMIU Taranto

Esperienze di raccolta differenziata della frazione organica e compostaggio:
ATO BR2, Ditta Monteco-Cogeir, Ditta Eden 94 di Manduria (Ta)

Conclusioni:
Prof. Graziano DE TUGLIE
Presidente Regionale FARE VERDE Puglia

Convegno La Terra nelle Tue Mani.

Argomenti correlati: ,

COMMENTA L'ARTICOLO