Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Brindisi: Campionato Mondiale di Motonautica F2 In-Shore, dal 26 al 28 luglio

Sport

Scritto da il 25 luglio 2013 - 13:36

Le altre tappe del campionato mondiale di motonautica F2 si svolgono a Stoccolma in Svezia, a Baku in Azerbaigian, a Istanbul in Turchia, a Dubai negli Emirati Arabi Uniti.

motonautica-brindisi

Nei giorni dal 26 al 28 luglio 2013, ben 23 equipaggi in rappresentanza di 13 nazioni gareggeranno sulle acque del Mar Adriatico nel porto interno di Brindisi.

L’evento all’interno dei due seni del porto rappresenterà un’importante occasione per Brindisi. L’unicità del tracciato di gara che si snoda all’interno del centro cittadino potrà far paragonare Brindisi a Montecarlo, dove la Formula Uno automobilistica fa tappa ogni anno, all’interno di un circuito che si snoda ,in quel caso, lungo le strade della città.

Nei giorni delle gare il lungomare consentirà ai residenti e ai turisti l’opportunità di vivere il mare con occhi diversi, offrendo potenzialità inesplorate: la tappa del campionato coinvolgerà 350 persone tra piloti, squadre, organizzatori, volontari, assistenti alla sicurezza e addetti stampa.

Il programma degli eventi collaterali che caratterizzeranno la tre giorni del campionato è molto fitto. I visitatori, i turisti e soprattutto i bambini potranno provare l’emozione di entrare nel ‘paddock’ ed essere a stretto contatto con i piloti, vivendo da vicino l’esperienza indimenticabile a bordo dei piccoli gommoni della FIM durante i giorni del Gran Premio.

Inoltre, si avrà l’opportunità di poter provare l’emozione di un giro sulle acque del porto interno con i formidabili bolidi della ”Formula Uno del mare”.

Durante le serate del Gran Premio d’Italia “Brindisi World Championship 2013 “, il lungomare sarà animato da numerose iniziative.

Brindisi: Campionato Mondiale di Motonautica F2 In-Shore, dal 26 al 28 luglio

Argomenti correlati:

COMMENTA L'ARTICOLO