Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Ato Br/2 – Il Tar di Lecce conferma le riduzioni tariffarie per la discarica

Informazioni

Scritto da il 11 Maggio 2009 - 0:56

IL TAR DI LECCE DA RAGIONE AI NOVE COMUNI DELL’ATO BR/2

FERRETTI: “E’ UNA VITTORIA DI TUTTI”

Vittoria dei comuni dell’Ato Br/2 in ordine alle riduzioni tariffarie per il conferimento dei rifiuti solidi urbani presso la discarica di Francavilla Fontana. Il TAR di Lecce ha confermato quanto stabilito nella deliberazione n.1 dell’8 febbraio 2007, con la quale l’Assemblea dei nove comuni dell’ATO BR/2, all’unanimità e al disopra di ogni appartenenza politica definiva la nuova tariffa, tutt’ora vigente, che ha comportato minori uscite per circa 5 milioni di euro ai comuni della Provincia, di cui circa 2,2 per i conferimenti dell’ATO BR/1 avvenuti fino ad aprile 2008, data di entrata in esercizio del quarto lotto della discarica di Autigno.

Il successo raggiunto con questa nuova sentenza del Tribunale Amministrativo è da accreditare in particolare alla nuova gestione dell’Ambito Territoriale che da due anni e mezzo è sotto la guida del Sindaco di Oria Cosimo Ferretti, coadiuvato da uno staff tecnico completamente rinnovato. “L’obiettivo raggiunto è una vittoria di tutti – commenta soddisfatto il Presidente Cosimo Ferretti -. Le scelte fatte in questi anni all’interno dell’Ato sono state sempre condivise. È stata questa una scelta vincente”.

Nel dicembre 2006, non appena insediato il nuovo nucleo amministrativo, era apparso necessario rivedere i conteggi per la determinazione della tariffa, individuando le motivazioni per una sostanziale riduzione con beneficio di tutti i comuni della Provincia di Brindisi; a quella data e fino all’aprile 2008 tutta la Provincia conferiva i rifiuti a Francavilla Fontana per la indisponibilità di della discarica di Brindisi (Autigno).

La partita non è stata facile. Come è ovvio il gestore della discarica non ha accettato di buon grado la decisione dell’ATO e ha percorso le vie legali per annullare la deliberazione n.1 della gestione Ferretti ma, è notizia di questi giorni, il Tribunale Amministrativo Regionale ha dato ragione ai comuni, confermando le riduzioni tariffarie adottate.

Ma quella della tariffa non è la sola battaglia condotta in questi due anni dall’ATO BR/2.

La nuova sfida è stata quella della raccolta differenziata. Scelta obbligata, sia dal punto di vista della corretta gestione delle materie prime che si possono ricavare, sia per l’inesorabile e purtroppo prossimo esaurirsi delle disponibilità della discarica di bacino. Un nuovo sistema di raccolta interessa ormai quattro comuni e, gradualmente, coprirà tutto il territorio dell’ATO; si tratta della raccolta porta a porta, ormai solida realtà nei comuni più virtuosi dell’Italia, anche se al sud si incontrano ancora delle resistenze.

Siamo nella fase di avviamento nei comuni di Oria, Villa Castelli, Ceglie Messapica e Erchie; le difficoltà nessuno le nasconde, ma gli sforzi della società concessionaria e delle sue maestranze e la collaborazione della quasi totalità della popolazione ha consentito già il superamento della soglia del 20% di raccolta differenziata, con punte che si avvicinano ormai al 30%.

I dati ufficiale per la raccolta differenziata nel mese di Aprile per la città di Oria parlano del superamento del 26%. Ma la sfida è solo all’inizio. Il traguardo del 66% di differenziata, con i vantaggi che ne derivano per tutto il sistema è l’obiettivo della popolazione coadiuvata dalla professionalità degli operatori della società concessionaria.

Non sono mancate nell’ATO, nel corso di questi due anni e mezzo, le iniziative ad alto contenuto tecnologico: in discarica, all’avanguardia non solo in Puglia, è già attivo un sistema per il recupero del gas metano altrimenti destinato a disperdersi in atmosfera contribuendo al famigerato effetto serra. Il gas metano derivante dalla decomposizione dei rifiuti viene captato da un sistema di sonde, depurato e utilizzato in due gruppi elettrogeni che immettono l’energia prodotta direttamente nella rete nazionale.

Non solo dispiaceri dunque dalla gestione dei rifiuti, ma anche realtà positive in un sistema dalla delicatezza estrema, che ha bisogno della collaborazione di tutti per evitare cattive sorprese.

Oria, 10 maggio 2009.

Comunicato Stampa Segreteria Amm.va dell’ATO BR2

Ato Br/2 – Il Tar di Lecce conferma le riduzioni tariffarie per la discarica

Argomenti correlati: , , , , , , , ,

COMMENTA L'ARTICOLO