Questo sito utilizza Cookie propri ed esterni, anche a scopo pubblicitario e di profilazione. Continuando a navigare accetti il servizio.

CHIUDI

Oria.info Notizie

Anac “Pupilles du Congo” associazione Nazionale Adozioni Congo

Informazioni

Scritto da il 4 Marzo 2012 - 11:34

L’Associazione Nazionale Adozioni Congo (A.N.A.C.) “Pupilles du Congo” è un ente nato con lo scopo di soccorrere i bambini poveri della Repubblica Democratica del Congo (Ex Zaire). Questo paese, devastato dalla fame e dalla povertà, conta il numero più alto di orfani dell’equatore. Circa 1,4 milioni di bambini soffrono la fame. Circa 120.000 ragazzi, con età  inferiore ai 18 anni, sono assoldati dai “signori della guerra” e non hanno altra scelta per sopravvivere. A questa drammatica situazione si aggiungono le avversità  della natura africana, il depauperamento causato dallo sfruttamento coloniale del Congo, la superstizione tribale, l’AIDS. Tutti questi fatali elementi fanno del Congo “il paese degli orfani”. I brefotrofi locali non garantiscono quotidianamente il pasto e la vita di milioni di bambini abbandonati è affidata all’iniziativa di missionari, religiosi e di volontari civili.

L’Anac Pupilles du Congo sempre attenta e sensibile a tutte le problematiche inerenti il grande continente nero ha rivolto la sua attenzione anche a tutti i futuri Congo mamme e Papà.  Un nuovo continente, nuove usanze e credenze ma anche una nuova lingua, difficile riuscire a comunicare con i propri figli, perchè molti congo bimbi non parlano ne il francese ne inglese ma una delle varie lingue locali. Nella sola Kinshasa esistono 13 lingue diverse, la più diffusa è la lingua lingala. Al fine di offrire un piccolo supporto a tutti i genitori in attesa, l’Anac organizza per le coppie residenti in Puglia un mini corso di lingala veloce, per consentire ai congo genitori di comunicare con i propri figli.

Per info contattare Barbara tel 3331808435 mail saporeevoglidafrica@gmail.com.

Anac “Pupilles du Congo” associazione Nazionale Adozioni Congo

Argomenti correlati: , ,

COMMENTA L'ARTICOLO